Parità ristabilita. Modena sbanca un Agsm Forum gremito da oltre quattromila peersone e  schianta Verona con un secco 3-0 vendicando l’ 1-3 patito sul parquet amico. Gli ospiti, appaiono letteralmente trasformati rispetto a gara 1 e fanno subito intendere le proprie intenzioni bellicose aggiudicandosi i primi due set giocati sul filo del rasio. Nel terzo non hanno permesso alla Calzedonia di rientrare in partita. Per la squadra di Grbic una serata così così: Djuric non è certo stato svavillante come nella partita di andata. Kovacevic è stato alla fine l’inico a salvarsi. Ora ci si gioca tutto domenica a Modena. Servirà l’impresa. Coraggio, nulla è impossibile!

LA PARTITA  – Inizio di match positivo per Verona che allunga  10-7 dopo i primi scambi di gioco. Modena prova ad avvicinarsi grazie ai due ace di Le Roux e agli attacchi di Ngapeth, ma è Verona che continua a spingere mantenendosi stabilmente in vantaggio. La formazione di Tubertini però non molla e raggiunge la parità a quota 19. Nel finale di set si gioca punto a punto con Modena che chiude 23-25 grazie ad un perfetto Ngapeth (8 punti in attacco per il francese). Con Travica in campo al posto di Orduna, Modena inizia bene anche il secondo parziale. Gli ospiti conducono inizialmente 3-8 e poi 6-11. Verona reagisce cercando di riavvicinarsi a Modena, ma è sempre il numero 9 canarino a dettare legge e a guidare la propria squadra. Nonostante qualche brivido finale, Modena chiude ancora 23-25 con l’attacco decisivo, tanto per cambiare, di Earvin Ngapeth. Verona accusa il colpo, Modena ne approfitta e ad inizio terzo set è avanti 5-10. I padroni di casa però credono nella rimonta e giungono fino al 17-17, ravvivando anche l’entusiasmo del pubblico del Forum. Modena tuttavia mantiene la calma e a contiene la rabbia di Verona. Il muro di Vettori e l’ace di Ngapeth regalano il 21-25 con cui Modena chiude 3-0 il match. Si va dunque a gara 3, appuntamento a domenica 12 marzo alle 18 al PalaPanini.

Così Grbic a fine gara: “Questa sera è successo che Modena è arrivata qui con il coltello tra i denti a giocare la loro migliore partita. Sono stati determinanti in battuta e con Ngapeth che ha giocato una delle sue migliori partite. Come ho detto dopo sabato, che non dovevamo montarci la testa, ora non siamo certo diventati gli ultimi arrivati. Ora si va a Modena, andiamo a giocarcela perché abbiamo tutte le chance per ripeterci, come successo sabato scorso”.

TABELLINO:

Calzedonia Verona – Azimut Modena: 0-3 (23-25, 23-25, 21-25)
Calzedonia Verona: 
Kovacevic 11, Baranowicz 1, Zingel 8, Anzani 7, Randazzo 3, Djuric 15; Giovi (L), Paolucci, Lecat, Frigo, Mengozzi 2, Ferreira, Stern. All. Grbic.
Azimut Modena: Ngapeth 23, Orduna, Le Roux 5, Holt 3, Vettori 11, Petric 8; Rossini (L), Massari, Ngapeth S., Piano, Travica 1, Onwuelo, Salsi. All. Tubertini
Arbitri: Pasquali, Boris
Note: Spettatori 4075
Durata set: 1.17 (0.25, 0.26, 0.26)
MVP: Earvin Ngapeth

SHARE
precedenteHerbert Chapman
successivoPecchia: “Dobbiamo essere più cattivi”
Lorenzo Fabiano
Giornalista pubblicista con una particolare attenzione alle vicende dell’Hellas Verona, squadra che segue da bambino, dopo aver collaborato con la redazione sportiva del giornale L’Arena di Verona , è passato al Corriere di Verona. A Marzo 2015 ha pubblicato il suo primo libro, THOENI vs STENMARK. L’ULTIMA PORTA (Edizioni Mare Verticale), dedicato al leggendario slalom parallelo della Valgardena che assegnò la coppa del mondo di sci del 1975. Alla fine dello stesso anno è tornato in libreria con IL CAMERIERE DI WEMBLEY (Edizioni In Contropiede) il romanzo della prima indimenticabile vittoria della nazionale italiana nel tempio del calcio inglese nel 1973.

NO COMMENTS